10 novembre 2011

Valerio

CARTA D’IDENTITÀ

Nome: Valerio De Rosa

Altezza: 1.70

Peso: 60 Kg.

Occhi: neri

Capelli: neri

Animali domestici: Mia nonna ha due cani, ma è come se fossero anche i miei

Segno zodiacale: Pesci

CURIOSITÀ

Qual è il tuo rapporto con lo sport?
Ho fatto calcio, nuoto e pallavolo.

Cosa fai nel tempo libero?
Leggo, faccio passeggiate e scrivo cose a caso su un foglio qualunque.

Segui la moda o non te ne frega niente?
Non è il mio forte.

Cosa ti diverte?
Luciana Littizzetto, il suo pensiero e i suoi libri. E vedere le persone che cadono a terra (magari senza farsi male).

Cosa non sopporti?
Le persone montate, quelle che vedono tutto come una sfida e chi se ne approfitta.

Sogni nel cassetto?
Non si dovrebbero dire…

Sei innamorato?
No.

Il tuo colore preferito?
Nero e verde.

Il tuo luogo preferito?
La mia camera e la spiaggia di sera.

Cosa faresti pur di affermarti nel mondo della musica?
Sicuramente continuare a essere costante nello studio del canto e a perfezionarmi.

Cosa ti piacerebbe si dicesse di te come artista?
Che emoziono e che il canto fa parte di me.

Una frase, una canzone, un libro, un film che ti accompagna o che ti rappresenta:
La frase è “Everything follows everything” tratta da In the green di Elisa. Il mare immenso di Giusy Ferreri è una canzone che mi ha colpito al primo ascolto e che ho sentito subito mia, sia per il testo che per l’arrangiamento.

Un tuo personalissimo slogan:
Tutto ritorna.

 

IDENTIKIT MUSICALE 

A che età hai cominciato a cantare?
Verso i quattro anni, credo.

C'è qualcuno che non ha mai smesso di credere in te?
Mia madre e alcuni parenti.

Un concerto per te memorabile:
Laura Pausini - San Siro 2007.

Canzoni portate al provino:
I Wish di Stevie Wonder.

Qual è stato il giudizio di ogni singolo giudice?
Tutti sì.

Cavalli di battaglia:
Inside a Flower di Elisa.

Il voto che ti dai come cantante:
7

Le cinque canzoni più importanti della tua vita
1) Superstition di Stevie Wonder: questa canzone mi ha fatto capire quanto sia bella la musica, cantare. Ho anche capito cosa significhi godere mentre si canta.
2) Come and Sit di Elisa: questa canzone mi ha fatto capire che ho un orecchio raffinato e che vado oltre.
3) Strani Amori di Laura Pausini: ho inziato a cantare quando lei ha esordito. È stata la prima canzone che ho cantato a tre o quattro anni durante un matrimonio.
4) Pride (in the name of love) degli U2: poche canzoni mi gasano come questa.
5) Pescatore di Pierangelo Bertoli e Fiorella Mannoia. È un amore recente. Ero in macchina e nella radio passava questa canzone: ho iniziato a piangere.

CARTA D’IDENTITÀ

Nome: Valerio De Rosa

Altezza: 1.70

Peso: 60 Kg.

Occhi: neri

Capelli: neri

Animali domestici: Mia nonna ha due cani, ma è come se fossero anche i miei

Segno zodiacale: Pesci

CURIOSITÀ

Qual è il tuo rapporto con lo sport?
Ho fatto calcio, nuoto e pallavolo.

Cosa fai nel tempo libero?
Leggo, faccio passeggiate e scrivo cose a caso su un foglio qualunque.

Segui la moda o non te ne frega niente?
Non è il mio forte.

Cosa ti diverte?
Luciana Littizzetto, il suo pensiero e i suoi libri. E vedere le persone che cadono a terra (magari senza farsi male).

Cosa non sopporti?
Le persone montate, quelle che vedono tutto come una sfida e chi se ne approfitta.

Sogni nel cassetto?
Non si dovrebbero dire…

Sei innamorato?
No.

Il tuo colore preferito?
Nero e verde.

Il tuo luogo preferito?
La mia camera e la spiaggia di sera.

Cosa faresti pur di affermarti nel mondo della musica?
Sicuramente continuare a essere costante nello studio del canto e a perfezionarmi.

Cosa ti piacerebbe si dicesse di te come artista?
Che emoziono e che il canto fa parte di me.

Una frase, una canzone, un libro, un film che ti accompagna o che ti rappresenta:
La frase è “Everything follows everything” tratta da In the green di Elisa. Il mare immenso di Giusy Ferreri è una canzone che mi ha colpito al primo ascolto e che ho sentito subito mia, sia per il testo che per l’arrangiamento.

Un tuo personalissimo slogan:
Tutto ritorna.

 

IDENTIKIT MUSICALE 

A che età hai cominciato a cantare?
Verso i quattro anni, credo.

C'è qualcuno che non ha mai smesso di credere in te?
Mia madre e alcuni parenti.

Un concerto per te memorabile:
Laura Pausini - San Siro 2007.

Canzoni portate al provino:
I Wish di Stevie Wonder.

Qual è stato il giudizio di ogni singolo giudice?
Tutti sì.

Cavalli di battaglia:
Inside a Flower di Elisa.

Il voto che ti dai come cantante:
7

Le cinque canzoni più importanti della tua vita
1) Superstition di Stevie Wonder: questa canzone mi ha fatto capire quanto sia bella la musica, cantare. Ho anche capito cosa significhi godere mentre si canta.
2) Come and Sit di Elisa: questa canzone mi ha fatto capire che ho un orecchio raffinato e che vado oltre.
3) Strani Amori di Laura Pausini: ho inziato a cantare quando lei ha esordito. È stata la prima canzone che ho cantato a tre o quattro anni durante un matrimonio.
4) Pride (in the name of love) degli U2: poche canzoni mi gasano come questa.
5) Pescatore di Pierangelo Bertoli e Fiorella Mannoia. È un amore recente. Ero in macchina e nella radio passava questa canzone: ho iniziato a piangere.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI
Cliccando sul tasto Iscrivimi darai a Sky il consenso a raccogliere ed utilizzare il tuo indirizzo e-mail per l'invio della Newsletter di , nelle modalità previste dall'Informativa sulla privacy
Voglio ricevere via mail comunicazioni su nuove iniziative e offerte commerciali
Rimani sempre aggiornato!
Iscriviti alla Newsletter di X Factor!
Grazie!
Ti abbiamo inviato un'email.
Se non la visualizzi correttamente,
controlla nello spam.