Morgan e l'arte di non saper perdere

[videosky videoid=104384]

"Ieri Morgan, a  # xf5, ha detto che in Rai era tutto falso. Complimenti, sei talmente musicista che distorci anche la realtà. Mi manchi." - @frafacchinetti

Così, con un tweet dall'ambigua ironia, l'ex conduttore di X Factor commenta quei cinque minuti di fuoco che ieri sera hanno surriscaldato il tavolo della giuria. Tutto è cominciato quando Alessandro Cattelan ha comunicato il verdetto della seconda manche: Valerio il meno votato, dritto all'ultimo scontro con Davide. Il pubblico sovrano ha così deciso di mettere uno contro l'altro due dei ragazzi di Morgan, un derby canoro che il capitano della squadra degli under ha - ovviamente - dimostrato di non gradire. Un pubblico a cui Morgan sembra dare credibilità solo quando gli fa comodo: basta un esito negativo e tutto diventa strano, annebbiato, contraffatto. "Non c'è il notaio? Voglio controllare i voti". E se per Morgan sembra difficile incassare la sconfitta, è ancora più difficile decidere quale concorrente mandare a casa. "Io non voglio eliminare nessuno dei due, e non voglio neanche eliminare me stesso. Se fossi interessato a eliminare me stesso non sarei venuto qui, sarei rimasto in Rai. Ma invece io ho mollato la Rai, prima che uscisse lo scandalo della droga, e sapete perché? Perché là era tutto finto. In Rai era tutto finto. Qui le cose sono vere. Io amo la verità e il brivido della verità". Parole pesanti, che tuonano nel cielo di X Factor. Quello stesso cielo che l'ha incoronato re degli dei per ben tre volte, con onore e gloria. Sarà per questo che a un presunto cielo di cartapesta ne ha preferito uno vero, di nome e di fatto?

Su Twitter Crapac scrive: "Morgan, quando hai detto che lo show sulla Rai era finto, lo sono state anche le tue vittorie. Pensa ogni tanto a ciò che dici". Forse però ora il passato non ha più importanza. Ora che la musica è cambiata ed è più forte che mai conta solo vincere. E quando il pubblico dimostra di non gradire i talenti di un giudice, l'affare si fa serio. "Vi ho fatto capire tutto, cosa volete ancora? Giocare con me? Ma perché continuate a essere così veri"? Ma quale sarà la verità che spaventa Morgan? Avrà paura dei suoi avversari? O semplicemente delle regole del gioco? "Ridicolo il fatto che si giochi ancora con me. È una puttanata! Andate a farvi benedire"! Nonostante ci vada giù pesante, sul web c'è chi continua a osannarlo: "Il discorso di Morgan era da Oscar", scrive Amacist. Perché in effetti la forza di Morgan è tutta (o solo?) qui, nella sue esagerazioni, nei suoi ampollosi panegirici, nelle sue accuse contro il sistema. Nella sua arte di non saper perdere. L'apologia di Marco Castoldi termina con un "The show must go on". E lo show, il suo show, continua eccome, con la sua sedia vuota all'Xtra Factor. Ma tornerà, coperto da un mantello rosso, acclamato da Simona e dal pubblico, scusandosi per il suo momento di eccitazione. "Tutto è rientrato!", rassicura. Resta ancora da capire quale sia il vero Morgan ma, almeno per ora, lasciamo pure che continui lo show. Il nostro show.

Vi lasciamo con un po' di pareri sulla vicenda raccolti da Twitter.

Rimani sempre aggiornato!
Iscriviti alla Newsletter di X Factor!
Grazie!
Ti abbiamo inviato un'email.
Se non la visualizzi correttamente,
controlla nello spam.