13 dicembre 2018

Il videoclip de La fine del mondo, l'inedito di Anastasio

Lo avete amato sin dal primo ascolto durante le Audizioni, lo avete riascoltato in una seconda versione durante il quinto Live di #XF12 e ora è il momento di riviverlo con un nuovo elemento, il videoclip ufficiale de La fine del mondo di Anastasio.

Ludovico Di Martino ha diretto questo progetto assieme alla produzione Borotalco TV, basandosi su un concept molto diretto che descrive gli ultimi istanti "congelati" prima della fine del Mondo. Anastasio attraversa lo spazio passando tra diverse location e diversi mood. C'è chi tenta la fuga, chi cerca riparo, chi addirittura festeggia per godersi i momenti finali insieme. C'è una suora che prega, un anziano disperato, una coppia che attende la conclusione insieme sfiorandosi le dita ma solo il cantante va verso la fine avvicinandosi al meteorite simbolo di distruzione e di rinascita.

La fine per un nuovo inizio.

Il testo de "LA FINE DEL MONDO", l'inedito di ANASTASIO

(Marco Anastasio, Don Joe)

Aspetta, non sono pronto ancora

Guarda, ho ancora l’etichetta non so

andare in bicicletta o fare i cento all’ora

Mai corso la maratona superato ostacoli

Non ho mai visto il Napoli di Maradona

Ho le licenze scadute da un pezzo

Quella poetica da rinnovare o levare di mezzo

Abbatto la clessidra orizzontale per

fermare il tempo

A patto che smettiate di soffiare per

cambiare il vento

E il freddo che avanza, l’anima sintetica e

L’estetica dell’ansia

E se oggi potessi cambiare il mondo lo farei domani

Non mi rompete il cazzo con sta fretta di

decidersi lasciatemi non fatemi alzare dal letto

Scendetemi di dosso con sta fretta di

decidersi voi, voi non fatemi alzare dal letto

Non mi rompete il cazzo con sta fretta di

decidersi lasciatemi non fatemi alzare dal letto

Scendetemi di dosso con sta fretta di

decidersi voi, voi non fatemi alzare dal letto

Non mi alzerò mai,

da questo letto sfatto e zozzo

Che mi tira giù sul fondo

ed è profondo come un pozzo

Mi ripeto alzati, almeno muoviti

Che ste lenzuola sono come sabbie mobili

E non ho manco sonno ma se mi alzo

torno affrontare il mondo

E sono tempi bui

Il gioco lo conosco a fondo

Sono debole e lui cambia regole a suo

Piacimento e vince sempre lui

E vince sempre lui

Ed accidenti dovrei darci dentro ancora

In contro  mano a fari spenti sfioro

centoventi all’ora

Ma il mondo mi ignora ancora

Non lo vedo più

Non tira un filo di vento non sento

Manco l’aria sulla faccia mentre cado giù

Ma non voglio far finta di niente

Se in giro vedo solo ed unicamente facce spente

Io…io sogno un mondo che finisca degnamente

Che esploda

non che si spenga lentamente

Io sogno i led e i riflettori alla cappella

Sistina sogno un impianto con bassi pazzeschi

Sogno una folla che salta all’unisono fino

a spaccare i marmi fino a crepare gli affreschi

Sogno il giudizio universale sgretolarsi e

Cadere in coriandoli sopra una folla

danzante di vandali li vedo al rallenty

Miliardi di vite mentre guido il meteorite

Sto puntando lì

Io sogno i led e i riflettori alla cappella

Sistina sogno un impianto con bassi pazzeschi

Sogno una folla che salta all’unisono fino

a spaccare i marmi fino a crepare gli affreschi

Sogno il giudizio universale sgretolarsi e

Cadere in coriandoli sopra una folla

danzante di vandali li vedo al rallenty

Miliardi di vite mentre guido il meteorite

Sto puntando lì

Sogno il giudizio universale sgretolarsi e

Cadere in coriandoli sopra una folla

danzante di vandali li vedo al rallenty

Miliardi di vite mentre guido il meteorite

Sto puntando lì

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI
Cliccando sul tasto Iscrivimi darai a Sky il consenso a raccogliere ed utilizzare il tuo indirizzo e-mail per l'invio della Newsletter di , nelle modalità previste dall'Informativa sulla privacy
Voglio ricevere via mail comunicazioni su nuove iniziative e offerte commerciali

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Rimani sempre aggiornato!
Iscriviti alla Newsletter di X Factor!
Grazie!
Ti abbiamo inviato un'email.
Se non la visualizzi correttamente,
controlla nello spam.