Giacomo e Massimo sono La Sierra, hanno 26 anni e vengono da Roma. Il nome del Gruppo di Samuel nasce dalla volontà di creare un riferimento a un luogo immaginario dove potersi isolare, la Sierra è dentro ognuno di noi. Hanno personalità opposte ma complementari, un mix perfetto che durante i Live Show ha permesso ai due ragazzi di creare performance incredibili

A volte discussi al tavolo dei Giudici di #XF13, c’è chi li ha visti un po’ più spenti durante alcune interpretazioni, chi li vede meglio in pezzi più movimentati, ma tutti sono d’accordo sul loro punto di forza: la scrittura dei testi, sempre impeccabile e estremamente comunicativa. Hanno iniziato il loro percorso con Enfasi, l’inedito che sin da subito ci è entrato in testa ma durante il quinto Live Show ci hanno presentato una versione rivista e “migliorata” di cui definitivamente non possiamo più fare a meno. IL TESTO DI ENFASI - L’INEDITO DELLA SIERRA Testo e Musica di Giacomo Ciavoni, Massimo Gaetano Queste sono le lettere di un uomo che ha vissuto qui e l' esperienza degli sbagli vale molto di più Toccare il cielo con un dito e capire che è il mare Mi sono scordato che vuol dire amare Porto il sole sulla pelle sono luminoso Mille dubbi nel tragitto ma comunque andare Ma comunque pare, vivo per cantare La musica è la culla per il mio riposo Dentro questo mondo sto in disparte Come dentro al selfie di uno sconosciuto Che mi ha preso per un istante Felicità distante Tipo me e te, prima mercurio e sole Ora plutone e marte Vorrei conoscere una donna senza dialogare Baciarla con la mente Pensarla con le mani Senza fare progetti per domani Senza puntare a quelle posizioni ambite le Le nostre vite le, le nostre corse le Le nostre crisi le Le nostre forze Io sono al centro di un vortice e la testa pensa Vivo per inerzia Dimensione terza Da quando ho preso in mano la penna Ho dato vita ai nostri desideri Ho dato vita ai miei mostri deleteri Oggi come ieri Parliamo con enfasi Solo se non ci vediamo da anni Non voglio amare se poi devo odiarti Non devi darmi se poi devo darti Parliamo con enfasi Solo se abbiamo qualcosa in comune Lungo la strada abbiamo perso il lume Per diventare mare devi essere fiume Parliamo con enfasi Solo se non ci vediamo da anni Non voglio amare se poi devo odiarti Non devi darmi se poi devo darti Parliamo con enfasi Solo se abbiamo qualcosa in comune Lungo la strada abbiamo perso il lume Per diventare mare devi essere fiume Parliamo con enfasi Le lucciole nella mia tasca mi fanno da shaker La mia ombra alla luce del faro mi segue Ho le chiavi tu resta lì Che prima o poi ritornerò E dei graffi mi libererò Non sarà mai peggio di così Gli stivali lasciano le impronte ma Il vento le copre con cura Se la notte mi prende Mi usura da una mezzaluna E batto cassa fino a reggere il volume Di pari passo con il tuo pensiero Per tutti quanti ho un costume da alieno Fammi sparire davvero Che anche se mi vedevi non c'ero Ho lasciato qualcosa nel gelo Ed aveva il sapore di te Fammi sparire nel blu Che il cielo è il mio passe partout Ho lasciato qualcosa ma tu Mi fai perdere davvero Anche quando non volevo Anche quando non volevo Parliamo con enfasi Solo se non ci vediamo da anni Non voglio amare se poi devo odiarti Non devi darmi se poi devo darti Parliamo con enfasi Solo se abbiamo qualcosa in comune Lungo la strada abbiamo perso il lume Per diventare mare devi essere fiume Parliamo con enfasi Solo se non ci vediamo da anni Non voglio amare se poi devo odiarti Non devi darmi se poi devo darti Parliamo con enfasi Solo se abbiamo qualcosa in comune Lungo la strada abbiamo perso il lume Per diventare mare devi essere fiume Te che volevi me solamente quando me non voleva te Me che voleva te solamente quando te non voleva me ...
PUBBLICITÀ

vuoi vedere altro?